Separatori Anti - Contagio in Plexiglass

Search our Site

Arrivano i separatori front-office in plexiglas anche a Torino. Le aziende del nostro territorio combattono il Covid-19 lavorando in sicurezza.

 

Per il contrasto e il contenimento della diffusione del Coronavirus le aziende (grandi e piccole attività) si trovano costrette ad adottare tutte le misure di sicurezza per tutelare la salute di lavoratori e clienti. Sia che si svolga la propria attività dentro un magazzino, un punto vendita o un ufficio, regole di convivenza e spazi dovranno essere elaborati ex-novo per permettere a tutti di lavorare senza esporsi a rischio contagio; mascherina, guanti, gel disinfettate e divisori in plexiglas per banconi e scrivanie saranno i nuovi colleghi di lavoro.

Un metro e anche più è la distanza minima che dobbiamo mantenere con qualunque persona con la quale interagiamo (amici, parenti, clienti e colleghi), chi lavora in un negozio, sa quanto sia difficile gestire tale regola in particolare in ambienti ristretti. Creare una separazione apponendo un pannello separatorio fra la clientela e i prodotti/personale della tua azienda, aiuta a limitare le possibilità di contagio e rende l’ambiente “più sereno” ed è per questa ragione che il team Neon Floris ha deciso di realizzare i divisori in plexiglas anti-contagio.

Dove si possono posizionare i separatori in plexiglas anti-contagio?

In qualsiasi azienda/attività che necessita di garantire il distanziamento sociale. Per fare qualche esempio, taxi, negozi, front-office e scrivanie aziendali. Il nostro team propone delle soluzioni standard e dei pannelli divisori personalizzati in base alle singole esigenze (anche mobili o fissi).

Come abbiamo detto precedentemente i pannelli divisori in plexiglas anti-contagio non sono le uniche protezioni da adottare, per avere tutte le informazioni necessarie al fine di riaprire la vostra attività in totale sicurezza, vi consigliamo di consultare Protocollo per la sicurezza nelle aziende siglato dal governo e mantenervi costantemente aggiornati seguendo le direttive date dalle singole regioni.

La salute prima di tutto, riparti in sicurezza!